Prog. 2269 – Le donne di Koupéla vogliono imparare

Prog. 2269 – Le donne di Koupéla vogliono imparare

Koupéla (Burkina Faso); Tipologia: alfabetizzazione adulti; Beneficiari: 150 donne
0% Donated
Obiettivo : € 7.980,00
0
I donatori
€ 0,00
Donato

CONTESTO

L’Arcidiocesi di Koupéla comprende la provincia di Kouritega, nella regione centro-orientale del Burkina Faso, e la provincia di Ganzourgou nella regione dell’Altopiano Centrale. Il Burkina è uno dei paesi più poveri al mondo con un tasso di alfabetizzati adulti di appena il 42%. A preoccupare è soprattutto l’analfabetismo femminile.

 

Per 150 donne di 5 villaggi corsi di alfabetizzazione per imparare a leggere, scrivere e far di conto.

PROGETTO

PROGETTO. Nonostante il governo burkinabé da tempo stia affrontando il problema dell’alto numero di analfabeti, per mancanza di fondi, soprattutto nelle zone rurali più remote le uniche attività di alfabetizzazione sono realizzate con l’aiuto di associazioni private. Tra queste l’OCADES (la Caritas burkinabé) che da anni attiva Centri di alfabetizzazione e avviamento al lavoro. Come OPAM sosteniamo questa attività dal 2011 contribuendo alla formazione di centinaia di donne.  

Per questo accogliamo una nuova richiesta del segretario esecutivo Abbé Gérard Francis Yougbare, che ci scrive: “Nelle parrocchie di Bissiga, Andemtenga, Lelkom, Baoghin e Bassem-Poesse abbiamo individuato un gruppo di 150 coltivatrici, 30 per ogni villaggio, desiderose di imparare a leggere, scrivere e far di conto. Queste donne che parlano la lingua morè hanno difficoltà a vendere i loro prodotti anche per la scarsissima padronanza del francese, lingua veicolare del Burkina Faso, la cui conoscenza è fondamentale per comunicare con i commercianti che acquistano i loro prodotti. Il nostro corso, della durata di un anno, prevede l’insegnamento di un livello elementare di lingua francese: lettura, scrittura, far di conto e colloquiare. Con queste nuove competenze potranno gestire al meglio la loro piccola attività, con benefici per tutto il villaggio; e alcune potrebbero diventare a loro volta formatrici per progetti futuri. Dopo una prova a fine corso è previsto un attestato di istruzione informale ufficialmente riconosciuto.

Vi chiediamo un contributo di € 7.980 per i costi dei corsi di aggiornamento dei formatori, l’arredo indispensabile (un tavolo con sedia e lavagna per ogni centro) e il materiale didattico. La costruzione delle capanne-scuola sarà a carico dei villaggi mentre l’OCADES pagherà il trasporto dei formatori e del materiale didattico. In queste aree remote e povere la gente comincia a toccare con mano i benefici dell’istruzione ed è orgogliosa dei progressi. Le 150 donne che si sono pre-iscritte non vedono l’ora di iniziare”.