Prog. 2261 – Doposcuola per i bambini della foresta

Prog. 2261 – Doposcuola per i bambini della foresta

Nita (Indonesia); Tipologia: sostegno scolastico; Beneficiari: 70 bambini; Stato del progetto: FINANZIATO
0% Donated
Obiettivo : € 5.000,00
0
I donatori
€ 0,00
Donato

CONTESTO

Nita è una cittadina rurale di 22.168 abitanti a 17 Km da Maumere, la città principale dell’Isola di Flores, una delle Piccole Isole della Sonda, nella provincia Nusa Tenggara Timur, il nome indonesiano. La popolazione è molto povera e vive essenzialmente di agricoltura. Miseria e sottosviluppo sono ancora più pesanti nei villaggi periferici di Nita sparsi nella foresta. La popolazione è in maggioranza cristiana, ed è composta da diversi gruppi etnici che qui nel tempo hanno trovato rifugio per fuggire alle persecuzioni contro i cristiani da parte di fondamentalisti islamici. L’analfabetismo adulto è elevato e le scuole sono poche e sovraffollate con il risultato che a mala pena al termine del ciclo primario i bambini sanno leggere e scrivere. 

Nei villaggi della foresta la scarsa preparazione scolastica dei bambini si è aggravata con la chiusura delle scuole a causa del Covid. E’ urgente avviare corsi di recupero scolastico e si vuole iniziare con 70 bambini che, in due turni, frequenteranno il doposcuola.

PROGETTO

Su invito del Vescovo di Maumere, le Ancelle Missionarie del Santissimo Sacramento hanno aperto una missione in questa Diocesi. Dal gennaio 2020 tre suore sono a servizio della parrocchia San Michele di Nita dove si occupano dell’educazione dei bambini.

Ci scrive Suor Veronica Imelda Ukoresponsabile del progetto: “Nonostante le difficoltà causate dalla pandemia, siamo state in grado di visitare tutte le famiglie e di renderci conto della realtà soprattutto nei villaggi nella foresta come Natawulu e Nilo. Abbiamo potuto notare la scarsa preparazione scolastica dei bambini aggravata dalla chiusura delle scuole a causa del Covid essendo inimmaginabile, in questo contesto, la didattica a distanza e non potendo ricevere alcun aiuto dai genitori, in maggioranza analfabeti. Con le famiglie abbiamo concordato che è urgente avviare corsi di recupero scolastico per i loro bambini.  Il parroco ci ha offerto una stanza dove allestire un’aula.

Inizieremo con 70 bambini di età compresa fra 7 e 10 anni che, in due turni, frequenteranno il doposcuola. Applicheremo il metodo d’insegnamento noto come “Distar Reading and Language Program” che considero molto efficace e formeremo alcuni giovani per aprire nuovi doposcuola in altri villaggi. Abbiamo bisogno del vostro aiuto per arredare l’aula (€ 890), per acquistare libri, 2 computer e materiale scolastico (€ 3.643), per assicurare lo stipendio all’insegnante (€ 167) e per svolgere corsi di formazione al metodo didattico per 7 giovani (€ 300).

Speriamo con tutto il cuore che l’OPAM possa aiutarci e contribuire così al miglioramento delle conoscenze e del futuro di molti bambini.”