Prog. 2219 – Ampliare la scuola è un’emergenza

Prog. 2219 – Ampliare la scuola è un’emergenza

Kinshasa (Rep. Dem. del Congo); Tipologia: edilizia scolastica; Beneficiari: 30 bambini; Stato del progetto: FINANZIATO
0% Donated
Obiettivo : € 11.000,00
0
I donatori
€ 0,00
Donato

CONTESTO

Kinshasa, capitale della Rep. Democratica del Congo, è una megalopoli di oltre 12 milioni di abitanti in maggioranza giovani e bambini. L’emigrazione forzata dalle zone rurali, le numerose situazioni di guerra e insicurezza hanno fatto crescere questa città in pochi anni e con essa la miseria e la precarietà della vita. 

Le scuole non sono sufficienti per tutti gli aventi diritto e la incapacità del governo di assicurare una reale gratuità all’istruzione unita alla carenza di strutture e risorse umane sono alla base dei casi di evasione e abbandono scolastico. 

Gran parte delle scuole sono affidate dal governo alla chiesa cattolica (60%) e ad altre confessioni religiose. Oltre a queste scuole convenzionate, a causa della pessima qualità dell’insegnamento delle scuole governative, fioriscono numerose scuole private inaccessibili a gran parte della popolazione che vive sotto la soglia di povertà. Tutto ciò non fa che incrementare il numero di bambini e ragazzi di strada che costituiscono una vera e propria città nella città. A causa della pandemia di Covid_19 e la conseguente crisi economica, questo esercito di piccoli vagabondi si è accresciuto di tutti quei ragazzi che, non andando più a scuola, dove scuola significa anche cibo, cure mediche e dignità, sono stati costretti ad arrangiarsi per trovare il modo di aiutare le famiglie a sopravvivere. 

Una nuova aula per la scuola che cresce insieme con il numero dei suoi bambini

PROGETTO

Il 12 ottobre riapriranno le scuole e se le strutture erano insufficienti prima lo sono ancor di più ora che il ritorno in classe impone nuove regole di sicurezza. Il sovraffollamento per la mancanza di strutture e l’impossibilità di sostenere gli stipendi di più insegnanti rischiano di ostacolare drammaticamente la ripresa del funzionamento di molte scuole.  

Ci scrive Sr. Esperance Kibinda Muandaresponsabile del progetto: “L’educazione per noi Suore Serve di Maria di Boma è da sempre una priorità. A Kinshasa ci occupiamo dell’educazione dei ragazzi di due quartieri periferici molto poveri. In particolare abbiamo una scuola al confine fra i comuni di Kisenso e Matete, l’Istituto Scolastico “Grace Divine”, che al momento assicura l’intero ciclo di scuola materna e le prime quattro classi di scuola primaria per un totale di 450 alunni. La scuola sta crescendo insieme con il numero dei ragazzi che la frequentano ed è diventato urgente costruire nuove aule per garantire l’intero ciclo primario che, secondo la recente riforma, arriva fino alla 7a classe. 

Per costruire un’aula e arredarla occorrono 11.700 €. La comunità locale può contribuire con un importo di 700 €. Ci rivolgiamo con fiducia a voi e chiediamo il vostro aiuto per iniziare l’ampliamento della nostra scuola che la recente pandemia ha reso ancora più urgente.”