Prog. 2216 – Interventi urgenti per “Les Bons Petits”

Prog. 2216 – Interventi urgenti per “Les Bons Petits”

Kimwenza (Rep. Dem. del Congo) ; Tipologia: arredi e infrastrutture; Beneficiari: 120 bambini; Stato del progetto: FINANZIATO
0% Donated
Obiettivo : € 6.930,00
0
I donatori
€ 0,00
Donato

CONTESTO

Kimwenza, è un quartiere della periferia rurale di Mont Ngafula, un municipio a 30 km da Kinshasa. Vi risiedono circa 18.500 abitanti di cui la metà sono bambini di età inferiore a 14 anni. E’ una zona povera di infrastrutture. Le abitazioni sono poco più che baracche, non ci sono centri sanitari, l’approvvigionamento idrico avviene in poche fontane comuni, le strade sono dissestate. Il numero delle scuole è insufficiente se si considera che i bambini in età di scuola materna e primaria sono ben 9.369.

La maggior parte della popolazione è analfabeta. La condizione delle donne è difficile sin da bambine, destinate a servire l’uomo spesso diventano adulte senza aver vissuto la propria infanzia. Le gravidanze precoci sono un fenomeno diffuso che, unito alla mancanza di strutture e all’ignoranza, non fa che innalzare il tasso di mortalità materna e infantile. La maggior parte degli abitanti vive del poco che guadagna coltivando ortaggi e vendendo carbone da legna. Vi sono tanti bambini a rischio sociale elevato, orfani e bambini sottoposti a lavori duri mal retribuiti. 

Banchi per i nuovi alunni e  impianto idraulico per la scuola che cresce

PROGETTO

Nel territorio di Kimwenza, non c’è nessuna scuola pubblica e quelle private sono insufficienti ad accogliere tutti i bambini che aumentano anno dopo anno. La conseguenza è il super affollamento delle classi, che hanno fino a 60 allievi, il che motiva anche la scadente qualità dell’insegnamento. Per far fronte a questa situazione, nel 2001, Christiane Kongo (maman Cocò) ha realizzato, con l’ONG Tukuza da lei fondata, la scuola “Les Bons Petits” che offre un’educazione di qualità a 883 alunni, dalla scuola materna alla secondaria. Le lezioni per le classi di materna e primaria si svolgono la mattina, la scuola secondaria ha 4 diversi indirizzi: Classico, Scientifico, Commerciale-Amministrativo e Pedagogico.

La scuola è cresciuta pian piano nel tempo grazie all’aiuto di diverse organizzazioni e al buon uso dei fondi ricevuti. Ma ora ci sono due esigenze urgenti che attendono una risposta.

E’ necessario acquistare 50 nuovi banchi (per un importo di 3.510 €) perché il numero di studenti è in continua crescita.

Inoltre, le istallazioni per la raccolta dell’acqua piovana ad uso della scuola, con l’incremento stagionale delle piogge sono diventate insufficienti e, vista la pendenza del terreno, c’è un elevato rischio di danno alle strutture, soprattutto della scuola materna e dei servizi igienici. Per costruire un nuovo impianto di canalizzazione occorrono 3.850 €, importo comprensivo delle spese di trasporto del materiale. Il costo complessivo del progetto è pertanto di 7.360 €, il contributo locale è di 430 €.

Ci scrive Maman Cocò: “I bambini sono stati felici della visita di Anna Maria e di conoscere un volto dell’OPAM di cui, sebbene piccoli, tutti loro capiscono l’importanza perché è grazie al sostegno di organismi come l’OPAM che hanno l’opportunità di andare a scuola. Anna Maria ha potuto verificare la qualità dell’educazione nella nostra scuola e il ruolo importantissimo che ha l’istruzione per il presente e il futuro di questi piccoli. Chiediamo all’OPAM un aiuto di 6.930 € per realizzare questi due interventi urgenti prima della riapertura del nuovo anno scolastico a settembre. Certi di poter contare sulla vostra generosità vi ringraziamo anticipatamente di cuore.”