Prog. 2215 – Insegnanti per bambini con disabilità sensoriale

Prog. 2215 – Insegnanti per bambini con disabilità sensoriale

Kongolo (Rep. Dem. del Congo); Tipologia: stipendio insegnanti; Beneficiari: 14 insegnanti; Stato del progetto: FINANZIATO
0% Donated
Obiettivo : € 10.050,00
0
I donatori
€ 0,00
Donato

CONTESTO

Il territorio di Kongolo si estende per circa 44.200 km2 nella Provincia di Tanganyika. Ha una popolazione di 750.000 abitanti la maggior parte dei quali vive di agricoltura, piccolo allevamento e pesca. La povertà è molto alta perché, per la mancanza di mezzi di produzione moderni e l’assenza di strade per la commercializzazione, tutte le attività produttive restano solo a livello di sussistenza. Le continue guerre e la mancanza di investimenti governativi non fanno che peggiorare di anno in anno le condizioni di miseria. Mancano le infrastrutture e, soprattutto a livello sanitario e scolastico, la situazione è drammatica.

La Diocesi di Kongolo cerca di supplire alla totale assenza dello Stato anche qui, come nel resto del Paese. Gestisce 368 scuole pubbliche con una popolazione scolastica totale di 29.355 allievi. Le scuole materne e primarie sono 258 con un totale di 20.731 bambini, quelle secondarie e professionali sono 110 con un totale di 8.624 studenti.

L’evasione scolastica resta estremamente elevata, sia per la carenza di strutture sia per le condizioni di miseria che favoriscono il lavoro minorile. Inoltre i bambini non scolarizzati sono facile preda per l’arruolamento forzato nelle bande armate e lo sfruttamento nelle miniere illegali del territorio. 

Una scuola specializzata per bambini disabili  chiede aiuto per donare speranza nel futuro ai suoi 150 alunni

PROGETTO

Ci scrive SE Mons. OscarNgoy Wa Mpanga, vescovo di Kongolo: “Se l’accesso alla scuola resta un sogno per molti bambini, per quelli affetti da disabilità è impossibile persino sognarla. La mendicità, la discriminazione e le umiliazioni di ogni genere segnano drammaticamente la vita di questi piccoli relegandoli ai margini della società. Ma l’educazione è un diritto fondamentale per ogni bambino e a maggior ragione per quelli il cui rischio di esclusione sociale è ancora più elevato. Per questo la diocesi ha aperto una scuola speciale per bambini con disabilità sensoriale, sordomuti e ipovedenti, per assicurare loro l’istruzione che li aiuti ad avere una vita autonoma e a inserirsi da protagonisti nella società.

La scuola “S. Antonio di Padova” è l’unica struttura dove questi bambini possono ricevere un’istruzione di qualità. Oggi accoglie 150 alunni di scuola primaria seguiti da 14 insegnanti specializzati. La scuola crescerà con loro e, dopo la scuola primaria, il nostro obiettivo è quello di assicurare anche l’istruzione secondaria e professionale, e ci auguriamo davvero di riuscirci.

La scuola non riceve alcun contributo dallo Stato e come Diocesi abbiamo difficoltà ad assicurare ai nostri insegnanti ed educatori uno stipendio dignitoso. Il costo totale degli stipendi per 10 mesi ammonta a 12.500 €. Il contributo locale da parte della Diocesi e delle famiglie è di 2.450 €.

Ci rivolgiamo a voi, amici dell’OPAM, perché, con un contributo di 10.050 €, ci aiutiate ad integrare e assicurare  gli stipendi ai nostri insegnanti.

Grazie per illuminare di speranza il futuro di questi piccoli!”